Le potenzialità dell’homo sapiens

        LE POTENZIALITA’ DELL’HOMO SAPIENS
  L’evoluzione ha regalato all’uomo la mente superiore, che lo ha reso potenzialmente sapiens. E’ la mente evoluta consapevole di se stessa e capace di ragionare, di apprendere, di controllare la sua mente animale, di scegliere responsabilmente i comportamenti più opportuni alla sua sopravvivenza e alla migliore qualità della vita fisica e esistenziale. La mente evoluta è il crogiolo delle trasformazioni e delle sublimazioni, che consentono l’emancipazione dell’homo sapiens in umano. Sarà la capacità di questa stessa mente, di controllare se stessa e la mente istintiva a renderlo adattabile alle condizioni ambientali e di manipolarle a favore del proprio bene fisico e alla soddisfazione esistenziale. Le aberrazioni in essa si oppongono alla salute.
  Tutti sappiamo che questa mente evoluta non è esente da interferenze che rendono la persona sofferente, e che il corpo è duale alla mente. Proprio da questa dualità mente-corpo possono scaturire sofferenze psico-somatiche.
   Da studi approfonditi (da Freud e in tempi più recenti da altri) su questa dualità si è sviluppata la disciplina chiamata –bioenergetica- che scioglie i nodi muscolari per ottenere lo scioglimento dei nodi nella mente – aberrazioni -. Sono gli impedimenti alla condotta della vita piena di bene. La mente consapevole è consapevole della sua condizione precaria, sia pure involontaria, ma è scarsamente capace di controllare i comportamenti aberrati, al punto da non evitare la trappola della patologia. A volte le condizioni di precarietà possono degenerare in patologia solamente per trascuratezza e anche perché a volte si preferisce fare scelte palliative, di piacere evanescente, che non hanno a che fare con il comportamento responsabile e virtuoso, che richiede la conservazione e il ripristino della salute. Accade perché l’homo sapiens è ancora sulla strada dell’emancipazione nella virtù della sapienza.
  Dalla bio-energetica abbiamo appreso che la gran parte delle sofferenza causata da contrazioni muscolari si origina da problemi esistenziali e posturali non curabili con somministrazioni di medicinali e raramente sono trattabili con la classica psicoterapia. Di recente in occidente, e dopo accurate sperimentazioni anche di tipo scientifico, sono state rivalutate a scopo preventivo e terapeutico le discipline olistiche, prevalentemente di origine orientale, che hanno la finalità di ristabilire il libero fluire energetico armonizzante corpo, mente e spirito.

Lascia un commento